De Alberum di Natale (ebbene sì)

Ieri ho fatto l’albero di Natale.
Minchia, prestissimo! Sì, in effetti sì. Io pure sono di quelle che l’albero si fa l’8 dicembre, tutt’al più dopo e non prima. Però è successo che Cuoresaldo sia andato per lavoro nel Freddo Nord e mi abbia chiamato tutto pimpante, ché lì sembrava già Natale, con il freddo, i mercatini nelle piazze, gli addobbi… Suonava così felice, Cuoresaldo, ché a me – pur di non finire quel soggetto che dovevo finire di scrivere – mi è venuta un’irresistibile attitudine da Tesoro, la mogliettina di Giannicaro nel celebre film d’autore Lilly e il vagabondo.

lv

Continue reading

Allerta meteo e non solo

Ieri c’è stata la cena con gli amici della Fu Piscina, ossia della piscina in cui solevo andare nella vita pre-Big Bang. Ovviamente, la cena si è tenuta nella Grande Città. L’ho organizzata io: ho sentito tutti gli amici prima, per sondare se l’iniziativa fosse gradita; poi li ho sentiti dopo, per individuare i giorni disponibili; infine ho scelto il giorno e il posto, ho prenotato e convocato. Ed eccoci lì, belli belli…
…la sera in cui in tutta Italia si è scatenata l’ALLERTA METEO IPERGALATTICA.

Continue reading

Fabbri, panini e navigatori

Breve premessa.
Nella mia vita precedente, quando abitavo al centro della Grande Città e dovevo andare all’Eur a trovare la mia Super Amica Roscetta con l’altra mia Super Amica Blondie, dismettevo Dragonetto a favore di Kit-la-SuperKa,  preparavo i panini e dicevo alla Blondie di portarsi il navigatore. Questo per dire quanto reagisco bene ai percorsi in cui bisogna affrontare lunghi tratti a scorrimento veloce senza semafori né ingorghi iperurbani (come lungo la Perigliosissima Cristoforo Colombo).

E ora, il Fatto.

Continue reading

Vicini di casa e black out

Nella Grande Città abitavo in un classico condominio: palazzo primi Novecento, due scale, solo nella mia undici appartamenti. A Macondo, invece, il mio portone dà accesso a tre posti: lo studio di un dottore al piano terra; una casa all’ammezzato, sopra lo studio; e noi, al primo piano. Fine.
Praticamente, si può dire che non è un condominio. Siamo soli.
Continue reading