Uno!

Diventare astronauta, oppure ballerino, o marinaio, o magari, perché no? Pompiere, come dicevano i bambini di una volta. Qualsiasi cosa, insomma – aria, terra, acqua o fuoco che sia – che avrai voluto davvero. Perché se l’avrai voluta davvero, avrai faticato per ottenerla. Ed è la fatica, più del desiderio, che merita di essere premiata.

Vincere, quando ti riesce. Un gioco. Una gara sportiva. Un premio per il tuo lavoro. Un finanziamento per un tuo progetto. Un riconoscimento per un’abilità o un talento. Ma, molto di più, imparare a perdere. Perché gli uomini che non sanno perdere, quelli che non riconoscono e non accettano la sconfitta, sono uomini deboli.

La forza, dunque. Come quella che racconta il tuo nome. E, con questa forza, dare il tuo contributo e il tuo aiuto. A chi e cosa ne avrà bisogno.

Leggere, scoprire, capire, conoscere, imparare.
Avere curiosità, per tutto e tutti.
Amare, ed essere amato.

Gli amici.
La musica.
I viaggi.
L’arte.

Le storie. Perché fanno compagnia, riempiono la vita.

La tenerezza.
Il coraggio.
L’ironia.

La Gioia. Tanta, tantissima.

Soprattutto, sperare. Sempre. Perché la speranza smuove le montagne.

Ti auguro tutto questo.

E a me, auguro di riuscire a vederti, ascoltarti, capirti e starti accanto, per la persona unica e speciale che sei e che sarai.

Buon primo compleanno, Pi.

Con amore,

mamma.

IMG_5420_2

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s