Non solo coworking

Quando mi sono trasferita a Macondo lasciando la casa dove avevo vissuto per dodici anni, ho preso in affitto nella Grande Città un piccolo studiolo: una stanza in un ufficio d’altri nel Quartiere del Cavallo di Ferro, il più strategico logisticamente per le mie faccende d’affari (affari è un filo altisonante per i miei volumi ma vabbé). La motivazione ufficiale di questa iniziativa era dunque professionale (fare riunioni e scrivere); quella profonda era, come tutte le motivazioni profonde, chiaramente psicologica (attutiamo ‘sto trauma del distacco, va).

Come tutte le cose che servono a curare l’anima (dalla psicanalisi allo shopping passando per il fitness e il viaggio in India a ritrovar se stessi), l’iniziativa si rivelò assolutamente antieconomica. Continue reading